Contattaci al 054222173 oppure inviavi una mail a info@otticaferlini.com

10 consigli per proteggere la vista davanti al pc

10 consigli per proteggere la vista davanti al pc

Molte ore al computer possono danneggiare i nostri occhi e alcuni piccoli accorgimenti durante le ore trascorse davanti allo schermo ci possono aiutare a proteggerli. Tra lavoro e divertimento la maggior parte di noi passa davanti a computer, tablet e smartphone gran parte della giornata mentre, per la salute dei nostri occhi, non si dovrebbero superare le due ore.

Uno studio dell’Università Keio di Tokyo ha evidenziato che l’utilizzo prolungato del computer porta a una condizione detta Computer Vision Syndrome o, più comunemente, sindrome dell’occhio secco. I ricercatori hanno, infatti, scoperto che gli occhi delle persone che passano troppo tempo al computer hanno poco film lacrimale, la parte dell’occhio che si occupa di proteggerli e mantenerli umidi. Visto che per molti non è possibile ridurre le ore di utilizzo, soprattutto quelle trascorse al computer nelle giornate di lavoro, la American Optometric Association e l’American Academy of Optometry hanno stilato ognuna una lista di consigli da seguire per evitare che la nostra vista peggiori. Noi abbiamo deciso di riportarvi i loro suggerimenti in un’unica lista. Ecco i punti più importanti:

1. La posizione dello schermo. Per non affaticare la vista e mantenere una postura corretta, il centro dello schermo dovrebbe essere a 15/20° sotto al livello dei nostri occhi e a circa 50/70 cm di distanza.

2. I documenti. Se utilizziamo dei documenti cartacei mentre lavoriamo al computer dobbiamo posizionarli al di sopra della tastiera, ma più in basso rispetto allo schermo. Per facilitare la cosa si può utilizzare un leggio posizionato accanto allo schermo. In questo modo limiterete i movimenti continui degli occhi e del collo.

3. La luminosità dello schermo. Regolare la luminosità dello schermo è fondamentale per non stressare gli occhi in maniera eccessiva. Bisognerebbe alzarla e abbassarla in base alla luce dell’ambiente in cui ci troviamo.

4. La luce intorno a noi. È importante non essere in un luogo troppo illuminato quindi, se potete, applicate delle tende alle finestre, e sostituite le luci troppo forti con delle lampadine più calde.

5. Lo schermo antiriflesso. Nel caso non sia possibile ridurre le luci dell’ambiente dove lavoriamo, si può utilizzare una pellicola antiriflesso da applicare sullo schermo, così da diminuire la refrazione delle luci.

6. La pulizia dello schermo. Mantenere uno schermo pulito evita di affaticare inutilmente gli occhi che altrimenti dovrebbero fare uno sforzo maggiore per mettere a fuoco quello che stiamo guardando.

7. Il colore dello sfondo. Se scegliamo uno sfondo scuro, ad esempio grigio, la vista verrà sforzata di meno perché risulterà meno luminoso e invasivo.

8. Sbattere gli occhi. Per mantenere gli occhi lubrificati adeguatamente bisogna sbattere spesso gli occhi, cosa che invece tendiamo a fare meno davanti allo schermo.

9. La pausa. Bisognerebbe staccarsi dallo schermo ogni 20 minuti e fare una passeggiata anche breve per riposare gli occhi e il corpo. Se questo non è possibile è importante fare almeno una pausa di 15 minuti ogni due ore di uso continuo del computer; ogni 20 minuti invece si può fare un semplice esercizio: fissare un punto distante per circa 20 secondi, così da aiutare gli occhi a focalizzarsi su altro e ad essere poi più concentrati una volta rispostata l’attenzione sullo schermo.

10. L’uso dello smartphone. Anche per quanto riguarda l’utilizzo dei device mobili è importante mantenere la giusta luminosità dello schermo e un’adeguata distanza dagli occhi. La posizione corretta consiste nel tenere il telefono poco al di sotto della spalla con il braccio semi-piegato.

Oltre a seguire questi semplici e pratici consigli è bene ricordarsi di fare una visita oculistica di controllo almeno una volta all’anno.